Come pulite i finferli?

Scritto il 3 ottobre 2008 | 54 Commenti

Filetto di maiale e finferli

C’è una cosa che mi impedisce di continuare a mangiare, anche se il sapore magari è buonissimo. Sabbia o terra che scricchiola fra i denti al primo boccone e io mi blocco. Che siano spaghetti alle vongole, insalatina o – come in questo caso – i funghi. Adoro i finferli, ma il rischio “scricchiolìo” è molto alto e quindi al ristorante non li ordino mai. In passato non li compravo neanche perchè mi sembrava un lavoro certosino togliere tutta, ma davvero tutta la terra.
Beh, mi è stato svelato un trucchetto e devo dire che il sistema funziona e io sono felicissima. Magari è già un metodo standard e mi sembra di aver scoperto l’acqua calda, magari per altri è un’eresia pulire i funghi in acqua. Ma per me il fine giustifica i mezzi e per me è importante che siano pulitissimi! E quindi io ora i finferli li pulisco così:
gli faccio fare prima una breve doccia sotto al rubinetto per togliere le parti di terra più consistenti. Poi li metto in una padella alta in acqua fredda e accendo il gas. Appena l’acqua inizia a bollire li tolgo dalla padella usando una schiumarola in modo che la terra resti sul fondo della padella. Asciugo e procedo con la preparazione dei funghi. Vi assicuro che i funghi non risultano spappolati o pieni d’acqua. L’importante è che non si facciano bollire. Io non ho trovato più un granello di sabbia e per me questa è la cosa più importante.
In questo caso ho rosolato i funghi con un po’ di scalogno tritato, bagnato con un po’ di cognac e aggiunto un pochino di panna. Serviti su filetto di maiale … una meraviglia. L’anno scorso invece li avevo fatti con il pesce in una versione mare e monti.
E voi come li pulite? Conoscete un metodo infallibile che non duri mezza giornata?

P.S. No, non sono uscita dall’ospedale e mi sono fatta subito ‘sto piattino. Ce ne vorrà del tempo prima di tornare a mangiare così … ma il sapore me lo ricordo eccome … bbbbbono!

Come pulire i finferli

Commenti

54 Responses to “Come pulite i finferli?”
  1. Alex e Mari scrive:

    *Elga, soprattutto veloce – e per me pigrona è una gran bella cosa

    *Brii, sicuramente mi rilasserei di più andando per funghi che non restando a casa (dove ho anche il mio ufficio!!). Ma cercherò di far tutto con calma

    *Bocetta, arrivoooo! Ma un altro premio?

    *Giovanna, ma va? Non sapevo che fossero introvabili a Napoli. Fatteli portare da Jajo che li ha trovati a Testaccio :-)))

    *Precisina, sabevo che saresti rimasta soddisfatta delle miscele pronte!

    *Livi, bentornata. Mi sono mancate le tue foto invece! Ti ho già inserita nel feed con il nuovo indirizzo

    *Laura, crepi crepi crepi :-)

    *Carla, grazie di cuore!

    Ciao
    Alex

  2. niki scrive:

    Che buoni i finferli! Con quel profumo di albicocca!
    Se mai potrò ancora cuninarli mi ricorderò del tuo trucco. Anch’io non riesco a reggere la sabbia sotto i denti….

  3. cocozza scrive:

    Un po in ritardo arrivo ma volevo lo stesso dirti che i finferli sono proprio buoni ma sono sempre pieni di terra anche perchè nel bosco dove io li trovo stanno sempre un po nascosti nella terra e difficile anche vederli poi per pulirli io uso un pennello quello che si usa per dipingere spazi medi tipo finestre li spazzolo ben bene e poi li metto in acqua e sale grosso poi cambio acqua più volte finchè non esce pulita li asciugo nella centrifuga per l’insalata e li cucino.
    ciao cocozza

  4. anna scrive:

    Buongiorno ,per ‘appunto oggi ho ospiti e preparero finferli.con polentaSeguiro il vostro metodo ed in ogni caso vi sapro dire .Il metodo mi sembra intelligente .Complimenti anche per il sito davvero semplice ed elegante .Anna

Lascia una risposta

  • Un post a caso

  • Archivio

  • Le mie foto su

  • Prossimi eventi

    • Fiere e mostre di giardinaggio in tutta Italia QUI

  • Foodblog tedeschi

    Köstlich & Konsorten