La pasta alla russa di Nonna Loreta

Scritto il 27 gennaio 2009 | 52 Commenti

Pasta alla russa

Nonostante i miei tanti esperimenti con spezie di mondi lontani ed ingredienti insoliti, i sapori di casa sono quelli che più mi piacciono e che non sostituirei con nessun’altra cucina del mondo. Dopo tutte queste ricette strane che vi ho proposto negli ultimi giorni, credo che sia arrivata l’ora di tornare ad una cucina più “terra terra”.
Questo sugo è per me uno dei sughi di mia nonna, il sugo dei miei anni ’80, uno di quei sughi che riesce sempre e che è sempre buono uguale. Altro non è che la classica pasta alla vodka, solo che noi non abbiamo mai usato la vodka perchè è un alcolico che non abbiamo mai in casa.
Era una vita che non lo facevo. Durante le vacanze natalizie avevo comprato in Abruzzo degli ottimi spaghetti alla chitarra freschi e mi sono ricordata che mia nonna abbinava spesso questo tipo di pasta (che io adooooooooooooro) al sugo alla russa. L’ho cucinato a pranzo, tra Natale e Capodanno, doveva essere una cosa molto sbrigativa. Ma quando poi mia sorella, mia madre ed io ci siamo sedute a tavola e abbiamo provato la prima forchettata, sono tornati su i ricordi. Il ricordo è il miglior ingrediente, tant’è che perfino mia madre – che solitamente non mangia pasta – ha fatto il bis.

Chi è profondamente nemico della panna può subito passare oltre e tornare un altro giorno :-)

Ingredienti per 4 persone:

  • 4o0 gr di spaghetti alla chitarra
  • 2 barattoli di conserva di pomodori a pezzetti
  • 200 gr di pancetta leggermente affumicata (tagliata a cubetti)
  • mezzo bicchierino di cognac
  • 200 ml di panna fresca
  • 1 cucchiaino di paprica piccante
  • olio d’oliva
  • sale

Scaldare un po’ d’olio in un tegame e rosolare la pancetta. Aggiungere il cognac e accenderlo in superficie con un accendino (facendo attenzione a non bruciare casa). Una volta evaporato l’alcool, unire il pomodoro e la paprica. Salare. Lasciar cuocere a fuoco basso per 10 minuti. Aggiungere quindi la panna e cuocere per altri 15-20 minuti.
Condire la pasta cotta al dente con il sugo ben caldo. Condire, se volete, con parmigiano.

Pasta alla russa

Commenti

52 Responses to “La pasta alla russa di Nonna Loreta”
  1. GIORGIO-GRUMES-LAVIS scrive:

    la facevo anni fà, purtroppo per problemi al fegato non posso aggiungere il cognac anche se dicono che con la cottura evapori (l’epatologo dice che è meglio non farlo perche non tutto l’alcol se ne va), di pancetta ne metto poca sempre per il problema che ho detto, ci mettevo cipolle rosse tagliate finemente, cannella, pepe,panna, piselli (pochi). quando starò meglio, proverò a farla senza cognac o grappa. era veramente buona, peccato.(pazienza). a tutti buon pranzo. salutoni

Lascia una risposta

  • Un post a caso

  • Archivio

  • Le mie foto su

  • Prossimi eventi

    • Fiere e mostre di giardinaggio in tutta Italia QUI

  • Foodblog tedeschi

    Köstlich & Konsorten