Composta di rabarbaro al vino bianco

Scritto il 13 aprile 2009 | 40 Commenti

Rabarbaro a Campo dei fiori

Ne vale la pena?? Questo il prezzo del rabarbaro visto a Campo dei Fiori neanche due settimane fa. 18 euro al chilo. Torno in Germania e qui lo vendono a 1,20 €/kg. Certo, è davvero buono, ma 18 euro non li vale secondo me, neanche per togliersi lo sfizio. La trovo un’esagerazione e penso che nella vita si possa anche fare a meno del rabarbaro, soprattutto se un dessert semplice come questo ti viene poi a costare un occhio della testa.
Allora perchè presentare questa ricetta? Mi è già capitato di sentirmi po’ in colpa per aver presentato ricette con ingredienti introvabili in Italia. Ma questo è un blog bilingue, i lettori tedeschi ormai sono tanti e quindi con questa composta mi rivolgo soprattutto a loro. Se invece avete la pianta di rabarbaro in giardino (so che alcune di voi l’anno scorso l’hanno piantato!) o se avete la possibilità di trovarlo ad un prezzo ragionevole, allora vi consiglio questo dessert rinfrescante e leggermente alcolico. Per i bambini o per gli astemi si può sostituire il vino con del succo di mele.

Composta di rabarbaro


Ingredienti per 6 persone

  • 700 gr di rabarbaro
  • 500 gr di fragole
  • mezzo limone
  • 1 baccello di vaniglia
  • 200 gr di zucchero
  • 1/2 litro di vino bianco
  • 100 ml di acqua
  • 1 cucchiaio colmo di maizena

Lavare le fragole e il rabarbaro sotto acqua corrente. Spelare il rabarbaro come un sedano togliendo i filamenti e tagliarlo a pezzetti. Privare le fragole del picciolo, tagliarle a pezzetti e metterle in un recipiente separato.
Portare ad ebollizione due terzi del vino bianco e l’acqua con lo zucchero, il baccello di vaniglia inciso per lungo ed il mezzo limone. Sciogliere accuratamente la maizena nel resto del vino e versare il tutto nel vino bollente. Aggiungere il rabarbaro e lasciar cuocere a fuoco basso per qualche minuto, facendo attenzione che il rabarbaro non si spappoli. Togliere dal fuoco e versare la composta in una scodella di vetro o di porcellana. Far raffreddare completamente. Togliere il limone ed il baccello di vaniglia prima di servire la composta ben fredda insieme alle fragole. Ottima con del gelato alla vaniglia.

Composta di rabarbaro


Commenti

40 Responses to “Composta di rabarbaro al vino bianco”
  1. valina scrive:

    io mi sono comprata i semi di rabarbaro..li ho piantati e stanno spuntando le prime foglioline…chissà fra qnt anni potrò assaggiarlo!!

  2. Snooky doodle scrive:

    che bell colori . ricwtta interessante :)

  3. Elisa scrive:

    18 euro al chilo per il rabarbaro è veramente tanto, soprattutto se paragonato al prezzo tedesco! Comunque se mi capiterà di trovare il rabarbaro a prezzi decenti (magari proprio in Germania) ripenserò sicuramente a questo dessert!

  4. vaniglia scrive:

    nooooo, io volevo andarci venerdì mattina! (a campo dei fiori, per il rabarbaro..) E’ l’unico posto in cui mi ricordo di averlo visto a roma…. ma che esagerazione!
    Fa bene Valina, la cosa migliore è coltivarlo da sè… ma io non ho nemmeno un terrazzino… :-/
    …se qualche romano lo avvistasse un po’ a meno…

  5. Babuska scrive:

    Io ho preso due piantine, che rinvaserò vicine. La tentazione di tagliuzzare i teneri gambetti e farci una microcrostatina è forte, ma resisto. Spero che crescano veloci! Comunque in Italia chi prende le casse bio dall’alto adige di solito lo riceve e ha la possibilità di ordinarne un quantitativo aggiuntivo a prezzo più umano di quello di campo dei fiori… Ciao!

  6. SiLviA scrive:

    Bentornata!!! sai che non ho mai provato il rabarbaro? Ma se lo trovo qui in Svizzera a prezzi ragionevoli, lo proverò! Come ti ho scritto nel post precedente, ho partecipato alla raccolta “la ricetta del vicino è sempre più saporita” di Aiuolik con la tua crema di feta! A presto! Ciao! S.

  7. Azabel scrive:

    Peccato non avere un giardino! Il rabarbaro lo trovai solo una volta, almeno cinque anni fà, alla Lidl… da allora, più niente. Ma anche lo trovassi, a questi prezzi non lo guarderei nemmeno :P

  8. L'Antro dell'Alchimista scrive:

    Mamma mia che balzo di prezzo tra Italia e Germania!!!! Certo che deve essere proprio buona questa ricettina! Buona serata Laura

  9. Eva scrive:

    Danke für das schöne Rezept, denn wir mögen Rhabarber auch sehr gerne!

  10. desperate.houseviz scrive:

    però rabarbaro e fragola, in tutte le sue varianti, è la fine del mondo…
    bisognerebbe vivere in Germania solo per fare una stagione di rabarbaro!

  11. Aiuolik scrive:

    Io ovviamente faccio parte di quelli che il rabarbaro non lo trovano proprio, ma alla cifra italiana non lo comprerei proprio!

    Ciaooo!
    Aiuolik

  12. Simona scrive:

    Wow! Qui si dice: sticker shock. Il rabarbaro l’ho appena visto al supermercato per la prima volta quest’anno, ma non mi ricordo quanto costa. Domani ci guardo. Fragole e rabarbaro: coppia eccellente.

  13. Lydia scrive:

    Ma c’è la rabarbaro mania in giro sul web!!!
    Alex, ti ho copiato una ricetta per partecipare al meme di trattoria muvara.
    http://tzatzikiacolazione.blogspot.com/2009/04/plumcake-arancia-e-semi-di-papavero.html
    Un bacio

  14. lamiacucina scrive:

    hab ich kürzlich nach einem ähnlichen Rezept, aber mit Orange, gegessen, schmeckte wunderbar.

  15. Antonella scrive:

    La scorsa primavera lo vendeva a 25 euro e nonostante questo io ci sono tornata più d’una volta sperando in un ribasso ma la risposta sai qual’è stata? “Qui a Roma sono l’unico ad averlo”. Ed è vero, ma sapessi che soddisfazione vederlo marcire nelle sue cassette :)

  16. Cuoche dell'altro mondo scrive:

    *Grazie tutti! Vedo che fortunatamente concordate con me che il prezzo è davvero un’esagerazione. In Alto Adige si dovrebbe trovare senza problemi. Anche in Svizzera.
    Antonella, anche a me ha detto la stessa cosa quando mi sono meravigliata dei 12 euro al chilo delle radici di prezzemolo (tutte rinsecchite poi!) Con quel prezzo volo mi ci pago il volo con la Ryanair e lo vengo a comprare in Germania il rabarbaro!!

    *La mia cucina, kann ich mir mit Orange auch wunderbar vorstellen! Danke für den Tipp.

    Ciao
    Alex

  17. Virginia scrive:

    Alex, se io non avessi visto le tue ricette col rabarbaro in questi ultimi anni, ora non mi sentirei la più figa del mondo per il semplice fatto di possederne un po’!!!
    Sono contenta di vedere che hai ripreso…
    Ah, ti ho rubato il banner.

  18. Minù scrive:

    ..credo sia meglio piantarlo!!!^_^
    ricetta fantastica da provare!!!Minù

  19. Ciboulette scrive:

    no, non vale la pena Alex…..anche se quel colore e’ davvero troppo invitante: io pero’ non corro rischi, perche’ qui non lo trovero’ mai!! E quando vado a Roma sono troppo presa dai nipotini per farmi tentare :D
    Ti abbraccio :)

  20. Elga scrive:

    Ciao Alex, pensa che siamo appena ritornati da il week end di pasqua, dalla Baviera, anche li ho cercato il rabarbaro senza trovarlo:(( Qui a Ferrara non sanno nemmeno cosa sia..Ti abbraccio forte sperandodi alleviare quel velo di tristezza che avverto nelle tue righe

  21. salsadisapa scrive:

    accidenti che prezzi! stasera provo a cercarlo dove forse potrei trovarlo, ma a 18 euro per me resta lì :D baci alex!

  22. Fra scrive:

    purtroppo anche qui a bologna i prezzi del rabarbaro sono stellari…ed è prprio un peccato perchè di ricette carine e gustose con questo ortaggio ce ne sono davvero tante! Va bè vorrà dire che per il momento mi limiterò a sbavare davanti al tuo delizioso dessert e per il prossimo anno avvio la produzione casalinga ;D
    Un bacione
    fra

  23. Mariù scrive:

    Eheh, santa ragione Alex!
    Anch’io mi sento in colpa quando posto ricette contenenti ingredienti introvabili in Italia ma poi mi dico che cosí almeno metto la pulce nell’orecchio a tanta gente in Italia riguardo a quegli ingredienti dei quali altrimenti non immaginerebbero nemmeno l’esistenza. E quando poi pian piano lí inizia ad arrivare tutto, un ingrediente per volta, con mille anni di ritardo, tutta questa gente si ritrova con tutte le ricettine bell’e pronte per iniziare a sperimentare con le novitá. E saprai bene che incredibile lavoro da pioniera hai giá fatto tu!
    Hai perfettamente ragione sul fatto che il prezzo di quel rabarbaro sia INDECENTE. Ci marciano pesantemente sull’essere gli unici a vendere certi prodotti, non mi stupisco che poi la gente nemmeno degni i loro banchetti di uno sguardo.
    Bella composta, io che fortunatamente in Germania ci vivo (eheh) la potró provare in men che non si dica.
    Un bacio!

    P.S. Adoro i semini di vaniglia che si vedono nella foto in basso!

  24. Sigrid scrive:

    eh, lo so… anzi ho già ‘denunciato’ diverse volte il tenutario del banco sul blog, perché appunto, esagera, pensa te che l’anno scorso lo stesso rabarbaro sullo stesso banco, stava a 13 euro al kg (confeionati in ollanda a pacchettini di 1kg, lui lo prendeva, lo pesava, ti diceva ‘è un po’ di più, e ti metteva 15 euro in conto), insomma, per fortuna fra un po’ arrivano i miei dal belgio con la solita scorta… :-)))

  25. giulia scrive:

    Io aspetto a comprare anche la frutta finché non ha un prezzo ragionevole… Forse sono troppo parsimoniosa, ma cerco di seguire l’istinto, perché comprare che ne so una fragola a dicembre quando so già che non avrà il suo sapore dolce e succoso che acquista grazie al sole?!? Non credo di riuscire a trovare il rabarbaro a prezzi decenti… Però i semini di vaniglia mi piacciono tanto così sparsi nel liquidino!!!!

    Un bacione grande giulia

  26. niki scrive:

    QUi il rabarbaro non credo che sappiano nemmeno che esiste, invece una volta, in Tibet, gli abitanti di un villaggio nel quale avevamo finanziato dei lavori per avere l’acqua, non sapendo come ringraziarci, ce ne hanno dato un fascio come dolce di benvenuto. Così, nudo e crudo.
    Niki

  27. Onde99 scrive:

    Alex, sono contenta che hai ripreso a postare… e vuol dire che il rabarbaro lo comprerò in Germania, quest’estate ho in programma una puntata dalle tue parti!

  28. Dada scrive:

    Grazie Alex, il rabarbaro con le fragole è una delizia. Hai pensato anche a me: a Parigi si trova a 2€50 circa, insomma è fattibile. A Roma, sono impazziti, mi sa che fanno un po’ troppo leva sull’aspetto esotico. Foto stupende come sempre

  29. Dolcetto scrive:

    18 € al kg?! Ma stiamo scherzando, cos’è, oro?? Io lo compro congelato in Svizzera, molto meglio… Farò un pensierino su questa deliziosa composta…
    Un bacione, buona serata

  30. Simo scrive:

    18 euro? Pazzesco! Per come cresce il rabarbaro nel giardino di mio padre a quest’ora potrebbe essere milionario (mio padre)! Mi sembra una grandissima presa in giro. Concordo: non ne vale la pena, anche se il rabarbaro è davvero buonissimo, soprattutto sulla crostata!

  31. Maria Cristina scrive:

    Nei supermercati Migros del Canton Ticino vendono una marmellata di fragole e rabarbaro che è una delizia con pane e burro o per la crostata.

  32. Isafragola scrive:

    Ciao Alex, ben tornata… Una volta, ma parlo di anni fa, il rabarbaro lo teneva anche il discount lidl a prezzi ragionevoli. Se lo rivedo lo piglio!

  33. brii scrive:

    no non ne vale la pena.
    vale la pena conservare la ricetta e poi se per caso t’imbatti in due succosissimi steli farlo :)
    io sono contentissima che metti ricette anche di ingredienti diversi.
    mi fai ricordare vecchi tempi :))
    lo scambio tra i bloggers è anche questo..imparare nuove cose, conoscere nuovi ingredienti.
    un abbraccio fortissimo
    baciusss

  34. Camomilla scrive:

    Alex anche secondo me non ne vale la pena, però non ti nego che ho una certa curiosità di assaggiarlo perchè proprio non ho la benchè minima idea di che sapore possa avere… vorrà dire che verremo tutti a prenderlo da te ;)
    Ti abbraccio!

  35. robertopotito scrive:

    eppure al mercato rionale di piazza Vittorio a Roma, il rabarbaro si trova tranquillamente a circa 2 euro al chilo.
    Campo dei Fiori non fa affatto testo…é oramai un tipico mercatino per turisti…
    Bella, ovviamente, la ricetta!!!

  36. sweetcook scrive:

    Come dicevo ieri da Virginia, non ho mai assaggiato il rabarbaro, ma a questo prezzo mi sa che non lo assaggerò mai, davvero è troppo caro… Certo che però questo dessert sembra proprio buono…:)

  37. Mammazan scrive:

    Hai proprio ragione.
    Quando il prezzo di alcuni ingredienti è eccessivo faccio a meno di preparare la ricetta e cucino altro.. con tutte le cose buone che si possono preparare!!
    Comunque ho preso nota della ricetta magari posso trovare il rabarbaro sulla bancherella di qualche contadino!!

  38. Staximo scrive:

    Il rabarbaro non l’ho mai assaggiato perchè qui non l’ho mai visto in vendita e i prezzi alti mi farebbero sicuramente desistere (vedi anche il matcha). Per disperazione da blogger curiosa :o) ho provato a coltivarlo in un grande vaso in terrazza ma con il caldo è schiattato miseramente.
    Però potrei comprarmi una marmellata già fatta… l’unico ricordo del rabarbaro che ho appartiene all’infanza e a delle sgradevolissime caramelle che mangiava una zia di mia madre.

  39. Solidea scrive:

    Adoro il rabarbaro, ora riesco a trovarlo anche al Lidl in estate…quando sono stata nel 1997 a Ludwigsburg volevo rubarlo dal giardino del castello……non l’ho fatto!!!

  40. Wella scrive:

    Complimenti ragazze! Il vostro blog e’ stupendo. Tutto colorato e appetitoso e le ricette sono originali e interessanti. E le foto… che dire… siete davvero brave! Felice di avervi scoperto.

Lascia una risposta

  • Un post a caso

  • Archivio

  • Le mie foto su

  • Prossimi eventi

    • Fiere e mostre di giardinaggio in tutta Italia QUI

  • Foodblog tedeschi

    Köstlich & Konsorten