Insalata di farro … della Garfagnana

Scritto il 1 ottobre 2010 | 49 Commenti

Normalmente quando scendo in Italia con la macchina, l’idea è quella di tornare con il bagagliaio pieno di pasta, olio, salumi e tant’altro. Quando studiavo mi portavo dall’Italia addirittura il tonno in scatola (che qui faceva pena) e i barattoli di maionese (che qui invece contiene sempre troppo aceto e non mi piace) e ci riempivo la piccola dispensa del mini-appartamento in cui abitavo con altre tre ragazze. Stavolta invece sono tornata sì con il bagagliaio pieno di roba, ma zero cibarie. Se non per un pacco di Pici toscani e vari cereali per fare delle buone zuppe toscane. Tra questi un pacco di farro della Garfagnana. E questo pacco non è neanche riuscito ad arrivare fino in Germania, visto che lo abbiamo cucinato subito a Roma. Mia madre non conosceva le insalate di farro e quando me lo ha detto mi sono messa subito all’opera con quello che c’era in frigo. Il restante pacco di farro l’ho ovviamente lasciato a lei che ancora si lecca i baffi :-)

Ingredienti a occhio

  • farro
  • fagiolini cotti
  • formaggio primo sale (o feta se preferite un formaggio più saporito)
  • olive taggiasche
  • abbondante basilico fresco
  • olio d’oliva
  • sale e pepe

Cuocere il farro seguendo i tempi di cottura indicati sulla confezione. Scolarlo e lasciarlo raffreddare. Tagliare a pezzetti i fagiolini, il formaggio e le olive, tritare grossolanamente il basilico. Unire tutti gli ingredienti e condire con olio, sale e pepe.

Commenti

49 Responses to “Insalata di farro … della Garfagnana”
  1. Ady scrive:

    Adoro il farro ma con i fagiolini non l’ho mai fatto.
    Scusa Alex ma la domanda sorge spontanea, di cosa hai riempito il bagagliaio???
    Buon ottobre :)

  2. lydia scrive:

    Alex, cosa avrei dato per vedere la tua macchina stracolma.
    Mi immagino a scaricarla…
    Un bacione

  3. Onde99 scrive:

    Qui il farro si usa tanto per le zuppe, anzi, ne ho una in programma per i prossimi giorni. Però effettivamente, quando il clima lo permette, lo preferisco in insalata: con i fagiolini non l’ho mai provato, che buono che dev’essere!

  4. Très appétissante cette salade. C’est exactement le genre de plat que j’adore lorsque je suis seule à midi. Frais et reconstituant… Merci pour la recette, bon weekend!

  5. Gloria scrive:

    Io adoro le insalate di farro, tra l’altro sono una perfetta e salutare schiscetta!

  6. genny scrive:

    dicevamo gisuto su twitter ieri che un’insalata di farro batte quella di riso mille a uno:D
    ora di fagilini qui nemmeno l’ombra, ma si terrà presente.e nel bagagliaio che c’era?:D

  7. MarinaV scrive:

    La nostra macchina ha sempre un problema di equilibrio & distribuzione carichi quando ritorniamo dall’Italia ;)

  8. Alex scrive:

    *Ady, a parte che stavolta ho comprato un sacco di vestiti, avevo ancora dei regali di Natale ingombranti da portare su :-) E stoffe, vernice per dipingere i mobili (come se qui non esistesse!) e tante altre cianfrusaglie :-)

    *Lydia, dovevi vedermi quando ho scaricato la macchina 18 anni fa quando mi sono trasferita. Ho praticamente fatto il trasloco con le buste e le mie coinquiline non ti dico cosa hanno pensato. Erano in tempi in cui mi portavo dietro anche i biscotti del Mulino Bianco

    *Onde, mi è piaciuta molto con i fagiolini, idea nata giusto perchè non c’era altro in frigo. Ma è bella fresca come combinazione

    *Dominique, ca me fait plaisire. C’est une recette ideale pour la préparer en avant

    *Gloria, e ti assicuro che il giorno dopo è ancor più buona

    *Genny, anche secondo me. Ormai lo preferisco al riso. Per il bagagliaio leggi la risposta ad Ady :-)

    *Marina, ahaha immagino!! Tu cosa ti porti sempre in Olanda?

  9. Dora scrive:

    I miei sono tornati dalla Toscana con una miriade di pacchi, tra cereali e farine, naturali che più naturali non si può! Però, ecco, con il clima che c’è qui mi sa che passeranno subito alla versione risotto o zuppa!
    Buon weekend!

  10. furfecchia scrive:

    Il farro lo uso molto, soprattutto in estate per le insalate fresche. In inverno lo abbino a qualche legume per le zuppe :-)
    Se ti prende voglia del farro della garfagnana fai un fischio che te lo spedisco!
    Ciao
    Silvia

  11. UnaZebrApois scrive:

    Mi piace quest’insalata gustosa!!!Io tornassi dalla Germania mi porterei via pacchi di wurstel e i crauti…di sicuro un viaggio moooolto più salutare se fatto al contrario ;P

  12. Fino a tre anni fa per me esisteva solo il riso… poi abbiamo scoperto il farro e da allora per noi l’estate è al 99% insalata di farro.
    Buona con i fagiolini, noi non ce li mettiamo ed è il caso che la prossima estate si rimedi! A me piace anche caldo con pesto, pinoli tostati e pomodorini leggermente arrostiti in forno!

  13. Mirtilla scrive:

    Buone le insalate di farro. QUando ero piccola con i miei genitori e i miei zii si partiva appositamente da Firenze per andare in Garfagnana a mangiare il farro…era il giorn oche preferivo! Bellissimi panorami, cibo buonissimo… Che ebi ricordi mi hai fatto tornare in mente! Un bacione Ps: se vuoi posso spedirtelo io il farro della garfagnana! …e il tonno! :-D

  14. lashqueen scrive:

    Quanto ti capisco. Anchi’o torno sempre dalla Polonia con tante cose da mangiare che in Italia non si trovano. Oppure i miei me le portano quando mi fanno visita.

    Il farro mi piace nella zuppa. Un giorno devo provare di fare qualche insalata.
    Ciao.

  15. erika scrive:

    bella questa insalata!

  16. babs scrive:

    l’insalata di farro fa parte del mio bagaglio golosità, ma non so perchè in casa mia piace tanto solo a me, proverò la tua versione, si sa mai che qualcuno cambi idea! giorno alex :)

  17. astrofiammante scrive:

    val la pena sognare le torte se le cose concrete poi sono queste ;-)) ciauzzzzzzzz buon WE!

  18. nina scrive:

    farro farro, quanto mi manchi! farà lo stesso con grano saraceno gluten free ? :)
    baci
    tufagna

  19. saretta scrive:

    In casa mia il farro è adorato, col suo chicco bello cicciotto e sodo!Ci credo che mamma è rimasta estasiata!

  20. Elvira scrive:

    Io ho gia in mente un favoloso primosale ai pistacchi che finira’ in questa insalata :)))

  21. Elga scrive:

    A me lo dici? Con il camper non ho problemi di spazio a caricare prodotii!!!

  22. Reb scrive:

    Buona buonerrima…anche se oramai ho sostituito il farro con l’enkir (a breve posterollo, ‘sta cosa che abbia solo 14 cromosomi mi fa impazzire).Buon inizio mese cara!

  23. A casa mia il farro piace tantissimo, soprattutto ai bimbi (il marito è un po’ più pasta dipendente). E le insalate di farro, pesto e pomodorini sono il cibo classico da portare in spiaggia in Versilia. Una volta l’ho provato anche con frutti di mare, ananas e spezie… un po’ più estremo! Un abbraccio e a presto!

  24. Virginia scrive:

    Pure a me è subito sorta la curiosità di cosa ti fossi portata a casa, ma per fortuna ho visto che hai già sciolto i nostri dubbi.
    Il farro della Garfagnana è un prodotto stupendo ma altrettanto stupenda è una farina per polenta ottofile sempre della stessa zona che mi è stata regalata qualche tempo fa. Mai mangiata una polenta così!

  25. Nepitella scrive:

    e che insalata di farro! beata la tua mamma che l’ha mangiata :-)
    Io invece son costretta a riempire la mia di vaigia quando vado a trovare mia sorella con i cibi italiani… :-)
    Un abbraccio

  26. MMM scrive:

    è l’ora di pranzo e … mi ha fatto decisamente venire fame!! te la rubo questa ricettina =)
    dai un occhio a
    http://www.modemuffins.blogspot.com
    baci!

  27. colores scrive:

    Ciao, che piacere sapere che non sono l´unica che ritorna sempre dalla Spagna oppure dall ´Italia piena di roba da mangiare in macchina o in valigia!!!!
    Questa Dinkelsalat devo prepararla assolutamente! un bacione grande e gustoso!!!

  28. anie's delight scrive:

    Das kenne ich auch das Hin und Hertragen von Lebensmitteln. Es ist schon komisch, dass man sich an Geschmäcker so gewöhnen kann und es im Ausland ganz merkwürdig findet. Dabei finden es die anderen dann umgekehrt genauso eigenartig.

    Das frage ich mich immer wieder, wenn mein Liebster (Er=Italiener) behauptet der italienische Senf sein viel besser als mein deutscher. Ich finde das gar nicht.

  29. Ester scrive:

    Come hai ragione: una volta superato il confine il tonno in scatola italiano diventa una “prelibatezza”, cosi’ come la maionese (che qui sa molto di senape) e che dire dei biscotti al cioccolato (quelli che “caro, c’è lo sciopero dei mezzi …”) insomma, una volta lasciata l’Italia tutto serve per farci superare la malinconia :)
    Il farro è veramente ottimo, io lo preparo in insalata anche in inverno, non mi stanco mai di gustarlo, i miei pero’ non l’apprezzano tanto :(
    Seguo sempre il tuo blob, mi piace molto, continua cosi’! Bisous

  30. Oxana scrive:

    Ciao Alex,
    il farro io ho scoperto qui, in Italia, da noi si mangia solo il grano saraceno, il riso, l’orzo, il miglio…..Mi piaciono tantissimo i legumi, anzi, li mangio quasi solo loro.
    Un bacione

  31. Monica scrive:

    Carissima Alex,
    tanti tanti complimenti per le tue ricette, le foto poi sono sempre meravigliose.
    Ti seguo sempre.
    Se posso….ti suggerisco una ricettina semplice con il farro, che io faccio spesso..aggiungi al farro del pesto classico al basilico e poi un pò di pomodini…si serve fredda, quindi la puoi preparare con tutta calma e poi consumarla.
    Come piatto estivo è veramente molto buono.
    Un saluto grande dalla Maremma.
    Monica

  32. Isi scrive:

    Salat mit Dinkel, das habe ich auch noch nicht gegessen. Aber ich kann es mir schon vorstellen und da ich von normalem Salat nie satt werde, müsste ich da mal wirklich ausprobieren.

  33. lamiacucina scrive:

    was so gut aussieht, muss auch gut schmecken. Die Idee ist naheliegend, eine Art grober couscous.

  34. Erich scrive:

    Wir kochen auch ab und an mal Dinkel, ganze Körner, wue Du hier. Er schmeckt sehr gut! Öfter als Dinkel oder Weizen brauchen wir Bulgur, weil der viel schneller weich ist als die original-Körner. Bulgur kaufen wir beim Türken, und es ist vorgekochter Weizen, auch ganze Körner, aber sie zerplatzen beim Kochen oder anschliessenden Trocknen. Es gibt verschiedene Feinheitsgrade. Weil die Körner bereits einmal gekocht waren, sind sie rasch gar. Der geschmack ist ähnlich, die Kochzeit geringer.

  35. Ancutza scrive:

    Da tempo che voglio provare l’insalata di farro, proverò questa tua ricetta. Buon fine settimana!

  36. lagaiaceliaca scrive:

    bello bello bello!

    l’insalata di farro è, incredibilmente, una delle cose che mi manca di più da quando sono celiaca.
    il farro è -era- uno dei cereali che preferisco, forse il preferito in assoluto. in insalata viene perfetto, saporito, sgranato, mai scotto. e la minestra… vabbé, non parliamo della minestra di farro. è così buona che se ci penso mi viene una gran nostalgia.

    ma dato che il post era allegro, e l’insalata bellissima, bando al blue.

    e se provassi a fare la tua insalata, ma con il grano saraceno, domenica?

  37. Alex scrive:

    *Dora, io avrei voluto comprare di tutto di più, ma sapevo che al mio ritorno mi avrebbe aspettato un lungo periodo a stecchetto e quindi tutte quelle belle farine le ho lasciate lì :-(

    *Silvia, grazie, gentilissima. Voglio anche provare il farro tedesco. Ma se mi dovesse servire faccio un fischio :-)

    *Zebra a pois, all’andata invece avevamo la macchina piena di crauti rossi, cetriolini sott’aceto (eh, qui in Germania sono speciali), senape al miele, polverine per il budino … insomma, carica all’andata e al ritorno

    *Juls, in molte mi avete consigliato di condirlo col pesto, dovrò provare. Io così faccio il cous cous

    *Mirtilla, gentilissima anche tu, grazie! Il tonno ora lo prendo qui in Germania, una marca francese. Meno peggio di quello tedesco

    *Lashqueen, quali sono i prodotti che ti fai portare dalla Polonia?

    *Erika, :-)

    *Babs, meglio per te, te ne puoi mangiare una scodellona tutta da sola

    *Astrofiammante, veramente ora mi sogno di tutto di più :-))

    *Nina, mai fatto il grano saraceno, ma secondo me vale la pena provare, ci ha pensato anche la gaia celiaca

    *Saretta, chicco di farro cicciotto 1 – chicco di riso smilzo 0 :-))

    *Elvira, cavoli, per me il primosale è stata una vera rivelazione. A casa nostra non si usava (mia madre neanche lo conosceva). L’ho preso al supermercato e mi è piaciuto tantissimo, anche con le erbe. Qui non sanno neanche cosa sia. Vorrei provare a trovare una ricetta per farlo in casa, non dovrebbe essere difficilissimo. CAvoli, siete riusciti a fare labneh, ricotta e simili, possibile che non riusciamo a fare il primosale?

    *Elga, mi immagino i posti letto rimpinzati di roba :-))

    *Reb, tutte te le scovi, sono proprio curiosa

    *In vacanza da una vita, eheh ho notato anche io che gli uomini storcono un po’ più il naso di fronte ad un’insalata di farro.

    *Virginia, maddai, non la facevo zona di polenta. Me ne ricorderò la prossima volta

    *Nepitella, credo sia il destino di chi vive all’estero!!

    *MMM, chi è che scrive delle tre M?

    *Colores, anche tu in Germania vero? Tu poi sei in una città più grande dove ci saranno anche più negozi italiani. Io mi devo spostare di molto per trovare, che so, anche solo la De Cecco (di altri tipi di pasta non se ne parla).

    *Anie, ich musste echt schmunzeln, als ich dein Kommentar gelesen habe. Die Geschmäcker, mit denen man aufwächst, prägen einen sehr und man kann sich dann schwer umgewöhnen. Mir ging es mit der Mayo so – und das obwohl es die gleiche Marke in Italien und Deutschland war. Aber für den deutschen Geschmack wird viel Essig, Senf oder sogar Zucker hinzugegeben und das mochte ich überhaupt nicht. Das stimmt, italienischer Senf schmeckt ganz anders. Aber es gibt dort auch nicht diese Senfvielfalt wie in D. Meiner Mutter (Deutsche) muss ich immer Senf nach Italien mitbringen!

    *Ester, anche tu sei in Germania? Vero che il tonno ha un altro sapore? Tutti che mi prendono per matta quando lo dico

    *Oxana, io i cereali li ho scoperti da poco e ne sono felicissima

    *Monica, grazie per il suggerimento, proverò di sicuro. Come dicevo anche a Juls io così facevo il couscous, ma risulta più “papposo”.

    *Isi, in Italien wird viel Dinkelsalat gegessen, vor allem in der Toskana. Es ist eine wunderbare Alternative zu Reissalat (essen die Italiener sehr oft im Sommer, ist das typische “Strandgericht” zum mitnehmen). Die italienischen Leser haben mir geraten, Dinkel mit Pesto, Kirschtomaten und Pinienkernen lauwarm anzumachen. Schmeckt sicherlich auch genial

    *La mia cucina, ja oder zu Bulgur, wie Erich sagt. Aber Dinkel hat eine sehr schöne Konsistenz, hat noch gut Biss. Kann man auch für ein “Dinkelotto” verwenden, etwas rustikaler als Reis

    *Erich, Bulgur mache ich selten, esse ich aber auch sehr gerne. Hier habe ich Dinkel noch nie gekauft und weiss deshalb nicht, wie lange man ihn hier garen muss. Der Dinkel aus der Toskana war in 20 Minuten gar, das finde ich noch ok. Couscous habe ich in Italien auch gegessen, dazu werde ich einen extra Post schreiben, war nämlich unheimlich interessant.

    *Ancutza, anche a te cara

    *Gaia, lo proponeva anche Nina. Secondo me funziona

  38. Christina scrive:

    Fein, das ist genau mein Ding – und dann noch mit Fetakäse, lecker! …und was deinen vollen Kofferraum betrifft: Ich tippe auf Klamotten, Schuhe und Taschen? Das käme mir zumindest irgendwie bekannt vor, wenn ich da an mich denke… ;-)

  39. FrancescaV scrive:

    Alex anch’io mi riporto il tonno in scatola e la maionese! Ahah siamo proprio delle vere romane ;-) Questo farro mi ricorda che io mangio pochissimo i cereali mannaggia. Buon finesettimana intanto.

  40. arabafelice scrive:

    Ahhhhhh non mi far pensare a quello che “spaccio” nelle valigie ad ogni rientro in Arabia dall’Italia :-) Pero’ almeno il farro qui lo trovo, certo non sara’ della Garfagnana ma il suo lavoro lo fa!
    A presto!

  41. daniela scrive:

    Adoro il farro, segno la tua ricetta e la voglio provare quanto prima. Buon fine settimana Daniela.

  42. Sissa scrive:

    Custodirò questo spunto per la prossima insalata!
    Abitualmente io la condisco con la rucoletta sminuzzata grossolanamente, pomodori privati dei loro semini e scaglie di pecorino. Un filo d’olio un pò di pepe e…… Mmmmmm che genuina bontà!
    Ciao
    Sissa

  43. In insalata non l’ho ancora mai provato, ma di certo adesso inizia la stagione delle zuppe…e già pregusto i sapori!

    Buona domenica!
    A presto!
    Elisa

  44. patricia b. scrive:

    non ho mai mangiato questo tipo di farro. Di certo, se faccio una insalata uso il farro al posto del riso che ormai…non ne posso più. Faccio invece spesso in inverno la zuppa trentina di farro, che è molto caratteristica, corposa e confortante!
    Ti auguro una buona Domenica:)
    patricia

  45. Ursula scrive:

    Dinkel und u.a. auch zahlreiche Getreideprodukte gibt es bei uns in Mühlen auch zu kaufen. Ich wäre aber nie auf die Idee gekommen, daraus einen Salat zu machen – man lernt nie aus!
    Italienische Taschen und Schuhe und Klamotten sind hier etwas schwieriger zu finden……

  46. Sere scrive:

    ohhh… che meraviglia! colori autunnali per questo piatto, dove avanza il bruciato delle foglie d’autunno e rimane ancora qualche sprazzo di verde nelle foglie che faticano ad ingiallire!
    Mi piace!

  47. Elena scrive:

    Io non mi porto il tonno e la maionese in germania, ma le olive taggiasche mannaggia sìiiì!!! Chi le trova qui? Sono squisite.

  48. claudia scrive:

    Se ti puo’ interessare da REWE vendono del farro della loro linea BIO che si chiama “Dinkel wie Reis”. E’ veramente “cicciotissimo” e perfetto per le insalate.
    claudia

Lascia una risposta

  • Un post a caso

  • Archivio

  • Le mie foto su

  • Prossimi eventi

    • Fiere e mostre di giardinaggio in tutta Italia QUI

  • Foodblog tedeschi

    Köstlich & Konsorten