Pasta e fagioli “spagnola”

Scritto il 26 febbraio 2011 | 26 Commenti

Mia nonna faceva una pasta e fagioli che era uno spettacolo. Ma come tante sue ricette, non sono mai riuscita a replicarla esattamente come la faceva lei. Lei usava sempre i fagioli freschi o li metteva a mollo il giorno prima. Ammetto che io a volte uso anche quelli in scatola per fare in fretta. Lo so, è quasi un’eresia, ma spesso il tempo a disposizione è quello che è – a volte è anche pura pigrizia. Ma torniamo alla ricetta di mia nonna: metteva insieme ai fagioli un sacchettino di garza con vari aromi, non usava lardo o simili e come pasta usava sempre dei maltagliati fatti in casa oppure, se si doveva sbrigare, degli spaghetti spezzettati. E poi, alla fine, faceva un soffritto con tanto aglio che aggiungeva a fine cottura alla zuppa.
A me non riesce mai così. Non so perchè.
Infatti questa pasta e fagioli di oggi non ha nulla a che vedere con quella di mia nonna, ahimé. Ma buona era buona. Una pasta e fagioli che sposa sapori spagnoli. Il chorizo, una salsiccia stagionata piccantella, mi piace molto nelle zuppe o nei sughi. Con l’altra metà ci ho fatto un sugo velocissimo con cui ho condito le tagliatelle. Da leccarsi i baffi.
Zuppa ricca, corroborante e adatta a questo tempaccio che non accenna a finire.

Ingredienti per 2 persone

  • ca. 250 gr di borlotti lessati (o in scatola)
  • 2 cipollotti
  • 1 spicchio d’aglio
  • 100 gr di chorizo
  • 100 gr di pasta (io ho usato tagliatelle spezzate)
  • 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
  • ca. 1/2  litro di brodo vegetale o di carne
  • sale e pepe
  • olio d’oliva
  • un rametto di timo

Mondare i cipollotti e tagliarli a rondelle. Sbucciare lo spicchio d’aglio e tritarlo finemente. Tagliare il chorizo a pezzetti. Scaldare un po’ d’olio in una pentola, imbiondire i cipollotti e l’aglio e aggiungere il chorizo. Rosolare per qualche minuto e unire poi il concentrato di pomodoro. Aggiungere i fagioli, il rametto di timo e il brodo. Far cuocere a fuoco basso per ca. 15 minuti. Aggiungere poi la pasta e cuocere finché la pasta non sarà al dente. Salare e pepare. Servire con un filo d’olio a crudo.

Commenti

26 Responses to “Pasta e fagioli “spagnola””
  1. astrofiammante scrive:

    ah è questo che ci prepari stasera per noi che con il teletrasporto invadiamo casa tua ^_______^ bbbbbona!!!!

  2. Ady scrive:

    Alex, non sarà mai come la sua, non perchè tu non la sappia fare, ma perchè quei sapori resteranno così ineguagliabili per sempre, sapori e profumi dell’infanzia ;)
    Con questo freddo è un toccasana, buon we :)

  3. Lisa scrive:

    Ma che bontà! Anche io proprio non riesco a rifare la pasta e fagioli come gli antenati… e dire che la adoro! :-|

  4. Mela scrive:

    Ho comprato il chorizo a Barcellona, ma, ahimé, non sono riuscita a trovarlo in Italia. Tu dove lo trovi?
    Penso che il pomodoro (il concentrato, nel tuo caso) faccia la differenza.
    Qui da noi c’è una varietà di fagioli (i borlotti) che cresce in estate. Paradosso: una minestra che si prepara col caldo! Però, con quei pomodori tondi sugosissimi… che buona!
    Ultima cosa: io conservo gli scarti dei formati di pasta come tagliatelle, lasagnette, pappardelle e reginelle in un barattolo, proprio per fare le minestre. ;-)

  5. Rebecca scrive:

    le ricette delle nonne non verranno mai come vengono a loro!:) le mie nonne cucinavano piatti eccezionali che nessuno è più in grado di rifare! escono buone,si, ma non come quelle originali! posso capirti!:) probabilmente erano anni e anni di esperienza a dare il tocco magico!
    complimenti per zuppa e soprattutto per la foto! secondo me le zuppe non sono “belle” da fotografare! ma tu ci riesci sempre!

  6. Stella scrive:

    Nudelsuppe ist bei mir fest als “Brühe mit dünnen Nudeln die nach nichts schmecken) verankert… Aber so eine Nudelsuppe muss ich unbedingt mal ausprobieren!

  7. Silvia scrive:

    Anche mia mamma usa la garza, l’ho sempre interpretata come una deformazione professionale causata dal lavoro tra ospedali e ambulatori.
    Il risultato per fortuna non ha niente a che vedere con la minestra triste che ti servono alle 5 del pomeriggio in quei posti!

  8. Stefanie scrive:

    Das sieht sehr gut aus – gerade bei diesem Mistwetter! Wäre es ein großer Frevel, es mit Kidneybohnen anstelle von Wachtelbohnen zu machen?

  9. babs scrive:

    ciao alex!
    il tocco del chorizo deve essere impagabile….
    un bacino e buon we!
    b

  10. Sophie scrive:

    Pasta e fagioli ist DAS Gericht meiner Kindheit, vor allem wenn wir nach einer langen Bergtour auf den Monte Baldo ausgehungert am Gipfel ankamen. Aber auch sonst gab es kaum etwas, dass diese “Nudelpampe” toppen konnte. Höchstens tortellini in brodo. Oder ein klitzekleiner Schluck vom vino rosso ;-) Come di solito: Wunderschönes Foto! Wie kriegst du das nur immer hin??

  11. Alex scrive:

    *Astrofiammante, beh, forse per l’occasione è un po’ banale :-))

    *Ady, certamente è anche per quello, ma sono sicura di dimenticare un passaggio fondamentale che faceva lei. Anche la consistenza della mia è molto diversa. Così come non riesco a rifare il suo minestrone

    *Lisa, dovremo accontentarci delle nostre versioni

    *Mela, qui il Chorizo si trova in qualsiasi supermercato. Comunque puoi sostituirla con una salsiccia stagionata piccante italiana, sicuramente c’è una bella scelta. Oppure con una bella salsiccia sarda. Mia nonna non ci metteva il pomodoro nella pasta e fagioli, eppure era una delizia.

    *Rebecca, e probabilmente i ricordi d’infanzia sono un ingrediente difficile da trovare :-)

    *Stella, bei uns in Italien sind solche Nudelsuppen sehr verbreitet. Die Brühe mit Nudeln gab’s bei mir als Kind immer nur wenn ich krank war :-))

    *Silvia, mia nonna era ostetrica … sarà stata davvero deformazione professionale anche da lei? :-)

    *Stefanie, mit anderen Bohnen geht es natürlich auch. Ich bilde mir immer ein, daß Kidneybohnen nicht so cremig sind wie Wachtelbohnen. Jede Bohnensorte passt!

    *Babs, fa bene all’anima :-) Baci a te

    *Sophie, bist du am Gardasee aufgewachsen? Wie schön. Ich kann mich schwer zwischen pasta e fagioli und pasta e ceci entscheiden, mag ich beide sehr gerne. Ja, es muss eine dicke Pampe sein, dann schmeckt sie noch besser.

  12. silvia. scrive:

    mi ero ripromessa di finire le scorte di fagioli e ceci in scatola e di usare con pazienza il metodo migliore. ma non ce l’ho fatta! perchè viene voglia di pasta e fagioli adesso e avrei dovuto metterli a bagno ieri, e domani chissà che voglia ho? vabbè, solo per dirti che ci sono molti motivi per cui “lascatola” è ancora un bella spiaggia.

    ps mi sono preparata in settimana una zuppa con fagioli azuki, lenticchie e castagne. buonissima
    ma per cuocere gli azuki ho impiegato 4 ore. 4 (e li avevo messi a bagno per 24 ore)
    un bacio.

  13. E se si vendono, le scatolette, e ci sarà pure un motivo no? ;)
    gli spinaci, ho smesso di comperarli freschi da un bel pezzo…c’è crisi anche nelle vocazioni da wonder woman!!
    per il resto: w le nonne :D

  14. CorradoT scrive:

    Questa pasta e fagioli mi ha sedotto. Io il rametto di timo lo aggiungero’ alla fine e il chorizo se non lo trovo lo sostituiro’ con la spianatina calabrese, che e’ profumata con i semi di finocchio.
    Complimenti, ottima interpretazione!!!!

  15. Aiuolik scrive:

    Con tutti gli amici spagnoli che ho, c’è sempre del choritzo di scorta e infatti anche noi lo abbiamo usato spesso per la pasta e fagioli o in altre preparazioni simili.

  16. Cristina B. scrive:

    hier in mailand haben wir zur zeit auch nur mistwetter, der frühling lässt dieses jahr leider auf sich warten… da ist so eine suppe gerade das richtige! lecker lecker…

  17. Onde99 scrive:

    Secondo me pasta&fagioli, pollo arrosto&patate, lasagne al ragout e tiramisù sono quelle cose che come le facevano nonna e mamma mai più… però la tua versione con il chorizo le fa rimpiangere un po’ meno…

  18. Fabio scrive:

    Noi la facciamo più asciutta, ma come resistere anche in questa versione? Olé!

  19. Edda scrive:

    Come ben dici, è la forza del ricordo d’infanzia che ti fa’ sembrare la tuo zuppa diversa. A volte mi chiedo se senza il ricordo gustativo magari…
    Intanto questa con il chorizo mi piace molto, è allegra, sa’ di vacanza al sole :-)
    Un abbraccio!

  20. hai ragione, a volte anche io utilizzo i legumi in barattolo, proprio perchè non sempre riesco a programmare il piatto da cucinare per tempo… ora, ad esempio, mi hai proprio fatto venire voglia di una bella zuppa come questa per stasera. e siccome mi hanno appena regalato una soppressata calabra, penso che userò questa al posto del chorizo… Un abbraccio, buona settimana, Lucia

  21. gaia scrive:

    questa cosa della tua nonna, degli aromi nel sacchettino, come fosse te’, mi incanta.
    grazie!

  22. lamelannurca scrive:

    mi sembra di sentirne il profumo :-) buonissima!

  23. Manuela scrive:

    Stavo girando per i blog, mio marito ha buttato un attimo l’occhio e ha detto -aspetta, aspetta, voglio questo stasera…
    brava
    ti seguo
    a presto

  24. Tamara scrive:

    ha un aspetto bellissimo, dovrebbe essere anche buona…ma comunque con i fagioli freschi è certamente un’altra cosa, io sai che faccio? quando li trovo freschi al mercato, cannellini e borlotti, già sgranati nei sacchettini, ne compro tanti, un paio al giorno poi li lavo, li faccio asciugare un po’ e poi li congelo, così per tutto l’inverno ho fagioli freschi e una metà li cuocio anche così li congelo con la loro acqua e sono già pronti per le minestre….che ne dici? comunque anche le cose che faceva mia nonna avevano un altro sapore, ma non perché lei cucinasse meglio,(io sono molto brava!!!) i sapori erano diversi, anche se compriamo il biologico è comunque diverso, poi usavano condire molto di più e quello che noi ricordiamo come “un sapore unico” a volte era molto condito e poi vuoi mettere arriavre a tavola con la fame e trovare un piatto fumante di minestra di fagioli, pronto, fatto da un’altra persona, magari al ritorno da scuola…affamata…

  25. jacopo scrive:

    Allora…. VIVA ESPANA !!! :-D

  26. Valeria scrive:

    uhh che caratterino questa pasta e fagioli! i sapori della nostra infanzia sono indimenticabili e spesso anche irripetibili, anche io ricordo con nostalgia tante cose che non riesco proprio a ripetere uguali uguali!!

Lascia una risposta

  • Un post a caso

  • Archivio

  • Le mie foto su

  • Prossimi eventi

    • Fiere e mostre di giardinaggio in tutta Italia QUI

  • Foodblog tedeschi

    Köstlich & Konsorten