Santo Stefano di Sessanio

Scritto il 22 settembre 2011 | 29 Commenti

Per quarant’anni sono stata tutti gli anni in Abruzzo, nel paese di mio padre. Da bambina ci passavo l’intera estate e durante l’anno ci andavamo durante i weekend e per le feste. Ma da lì non ci siamo quasi mai spostati e io in effetti dell’Abruzzo ho visto molto poco. Quest’anno ho convinto mia madre a girarlo un po’ il nostro Abruzzo. E spostandoci di soli 40 minuti in macchina abbiamo scoperto delle meraviglie. La prima tappa è stata Santo Stefano di Sessanio,  piccolo borgo medievale tra i più belli d’Italia, che ci ha lasciate letteralmente a bocca aperta. Per la cura dei dettagli, la pulizia, gli angoli fioriti, la gentilezza e la voglia di fare di chi ci lavora. Purtroppo il terremoto del 6 aprile 2009 ha lasciato i suoi segni, la bellissima Torre Medicea è crollata, molte case hanno subito danni. Ma il borgo, incorniciato dalle montagne, è davvero uno dei più bei posti che abbia visto ultimamente. Fino al 30 settembre si può ancora visitare la mostra “Condivisione di affetti“. Alcune opere d’arte degli Uffizi sono esposte in vari edifici del borgo, quasi una “mostra diffusa” come l’albergo diffuso Sextantio, un progetto davvero interessante di un imprenditore svedese che ha comprato e ristrutturato gran parte del borgo.
Tante le piccole botteghe e negozietti di specialità del luogo, tra cui le famose lenticchie. Ci tornerò sicuramente anche d’inverno, stagione in cui avrà sicuramente il suo fascino.

Commenti

29 Responses to “Santo Stefano di Sessanio”
  1. miciapallina scrive:

    Il paese è decisamente bello, lo so perchè ci vado spessissimo motinamunita…. ma visto attraverso alle tue foto è tutta un’altra cosa.
    Grazie perchè ci sei…

  2. daniela scrive:

    un occhio impagabile

  3. mal wieder wundervolle Bilder, vielen Dank für’s Mitnehmen

  4. Silvia scrive:

    Quanto mi piace essere resa partecipe di queste meraviglie attraverso le tue foto. Grazie!

  5. Jacopo scrive:

    Ecco !!
    Sono almeno 4 anni che vorrei andarci ma davvero non riusciamo a trovare un fine settimana libero… E mo’ mi dici come faccio a rimandare ulteriormente?
    Me ne hai fatto innamorare più di quanto non avessero fatto tutte le altre foto che avevo visto del borgo…
    Spettacolare e molto meno “finto” di Civita di Bagnoregio o, soprattutto, di Calcata.
    Magari a fine ottobre ci facciamo una scappata.

    P.s.: l’Abruzzo ha, anche per noi, il difetto di essere paradossalmente “troppo vicino”. Ha degli scorci e dei paesi straordinari e meriterebbe ben più di una gita di poche ore…
    Tra l’altro ha il pregio di poter essere raggiunto, da Roma, con lo stesso tempo che spesso impiego ad andare da casa mia a casa dei miei genitori :-D

  6. Excalibur scrive:

    io quell’imprenditore ispirato l’ho fortuitamente conosciuto l’unica volta che sono stata a Santo Stefano :) che colpo al cuore vedere l’anima metallica della Torre :(

  7. Svet scrive:

    Hübsche gemütliche Gassen…Da könnte man stundenlang auf Entdeckungsreise sein :-)

  8. elena scrive:

    Un posto incantevole, merita sicuramente una visita!

  9. Ros scrive:

    le magnifhce foto non hanno bisogno di commenti! è bello poter visitare virtualmente questi posti meravigliosi attraverso foto che ne esaltano tutta la bellezza. Grazie :-)

  10. Sara scrive:

    Che meraviglia…pensa che acquista molti legumi di Santo Stefano!Sarebbe bello vederlo dal vivo.Ho gurato il Montefeltro e l’Umbria quest’estate..qualcosa di unico!baci

  11. Manu scrive:

    Ich bin mal wieder begeistert!

    LG

  12. susanna scrive:

    fantastiche foto!

  13. Chiara75 scrive:

    Che bello! Mi meraviglia ogni giorno scoprire questi piccoli angoli di paradiso!
    Meta da appuntarsi per un weekend fuori porta!

    Buon fine settimana!

  14. Petra scrive:

    Es ist einfach nur schön Deine herrlichen Fotos zu sehen!
    Man fühlt sich so richtig in Urlaubsstimmung.
    Danke dafür!

  15. lys scrive:

    Che incanto! L’Abruzzo lo conosco pochissimo, purtroppo….! Il nome di questo angolino fantastico di mondo,però, è già finito sulle pagine della mia agendina, tra i posti da visitare presto!! Grazie per le belle impressioni visive=))

  16. Alex scrive:

    *Micia, è una bella zona per motociclisti!

    *Daniela, grazie, troppo buona

    *Ti saluto Ticino, freut mich, euch mitzunehmen :-)

    *Silvia, grazie a te

    *Jajo, è proprio quello il problema: più sono vicini i posti e meno ci si riesce ad andare. Guarda, vale davvero la pena, è una splendida gita.

    *Excalibur, ha fatto un bel lavoro. Ho visto le foto della Torre integra, era davvero splendida. Che peccato

    *Svet, das waren wir auch :-) In jeder Gasse gab es etwas zu bestaunen

    *Elena, anche due :-)

    *Ros, grazie!

    *Sara, peccato che non sono scesa in macchina in Italia, altrimenti avrei riempito il portabagagli di farro, lenticchie e cicerchie

    *Manu & My kitchen, danke euch!

    *Susanna, Chiara, grazie

    *Petra, ich komm aus der Urlaubsstimmung gar nicht mehr raus … würde am liebsten gleich zurückfahren :-)

    *Lys, anche io lo conosco poco … e pensare che mio padre era abruzzese!

  17. Twee scrive:

    Ciao Alex, grazie per il bellissimo viaggio..Questo meraviglioso paesino mi ricorda molto uno dei miei angoli preferiti di Croazia, la cittadina di Bale. Sempre con il tuo fedele cinquantino?? ma non rischi mai di farti male mentre cerchi l’inquadratura perfetta? Ancora grazie!

  18. Emanuela scrive:

    Lo conosco molto bene S. Stefano e le tue foto sono FANTASTICHE!!!

  19. Gaia scrive:

    Riesci sempre a cogliere i particolari che colpiscono il cuore..

  20. Alex scrive:

    *Twee, sì, sempre lui! Avevo anche il tele in borsa, ma spesso sono troppo pigra per cambiarlo. Devo dire che mi trovo bene con il 50ino, ha una buona resa. Ma sto mettendo i soldidi da parte per un nuovo fedele compagno :-)

    *Emanuela, ti ringrazio

    *Gaia, mi fa molto piacere, grazie

  21. Micha scrive:

    Du machst mir mit deinen Bildern so sehr Lust auf Italien, dass ich jedes Mal zutiefst bedaure, dass ich außer Rom und Venedig nichts von diesem schönen Land gesehen haben.

  22. stelladisale scrive:

    Bellissimo! L’ho visto in televisione e vedere le tue foto mi ha dato la conferma che è un posto stupendo. Nel servizio intervistavano appunto quello che ha avuto l’idea dell’albergo diffuso e non è tanto il fatto dell’albergo diffuso in se, che ormai si sta diffondendo anche in altri posti, ma hanno fatto un tipo di restauro conservativo pignolissimo con pietre originali e oggetti originali per arredare gli spazi, addirittura, in questo è un progetto unico e straordinario, perchè gli edifici che erano stati restaurati con questo metodo non sono stati danneggiati dal terremoto, lui diceva che, appunto, come dici tu, è venuta giù la torre, ma i loro edifici non hanno subito danni per cui sarebbe un esempio per tutti i borghi storici d’italia in zone sismiche, è la dimostrazione che si può fare insomma, c’è la prova che funziona, e penso che questa sia l’unica via possibile per molte zone d’italia, un turismo rispettoso dell’ambiente che rivaluti piccoli paesi che rischiavano di essere abbandonati o deturpati per sempre…

    • Alex scrive:

      Ciao Stella,
      non sapevo che gli edifici non sono stati danneggiati proprio grazie al metodo di restauro, grande cosa. All’interno dell’albergo sembrerebbero usare tutti i materiali della tradizione abruzzese. Nelle foto delle camere si vedono quei bellissimi copriletto tipici dell’Abruzzo. Anche noi ne avevamo a casa. E, come dice Marina qui sotto, anche i materassi di lana antica. Un gran bel progetto

  23. MarinaV scrive:

    Ora ho capito cosa intendevi dire che avevano ricostruito la forma della torre con i ponteggi…
    Santo Stefano è bellissima e il progetto di Sextantio molto interessante. Vi abbiamo alloggiato un anno prima del terremoto, una stanza bellissima con un letto di legno e il materasso di lana all’antica e una vasca da bagno ipermoderna dalla forma sinuosamente ovale di traverso nella stanza. Un silenzio incredibile, la notte, il buio totale senza luna, un profumo speciale di legna secca e di fumo, molto affascinante…

  24. Mammamsterdam scrive:

    ciaom, mi h segnalato questo post Sonia di per scherzo e per caso. Posso linkarlo al mio blog e pagina facebook su Viaggio all’ Aquila lungo la Statale 17? È una gita tra i borghi della transumanza per andare all’ Aquila a dare una mano, strappare le erbacce, incontrarci con alcuni (giovani)scrittori del post-terremoto e conoscere di prima mano la situazione.

    Ci sentiamo,
    Barbara

  25. Clara scrive:

    Ricordo Santo Stefano di Sessanio con enorme piacere. Vi ho trascorso una settimana circa 5 anni addietro, uno dei borghi più belli d’Italia. E ricordo l cordialità delle persone, la bontà delle lenticchie, la pace ed il silenzio dei luoghi. Bellissime foto. Ciao, Clara.

Lascia una risposta

  • Un post a caso

  • Archivio

  • Le mie foto su

  • Prossimi eventi

    • Fiere e mostre di giardinaggio in tutta Italia QUI

  • Foodblog tedeschi

    Köstlich & Konsorten