Feldsalat mit Kräuterseitlingen und Katenschinken

Geschrieben am 14 Januar 2009 | 42 Kommentare

Cardoncelli

Ich habe zum ersten Mal Kräuterseitlinge gekauft und wollte sie „pur geniessen“. So habe ich sie einfach scheibenweise in wenig Olivenöl von beiden Seiten angebraten und zu einem Feldsalat mit gebratenem Katenschinken gegessen. Ich bin von diesen Pilzen wirklich begeistert. Könnt ihr ein gutes Rezept empfehlen?

Insalata con cardoncelli

Kommentare

42 Responses to “Feldsalat mit Kräuterseitlingen und Katenschinken”
  1. Magnolia Wedding Planner sagt:

    ma buongiorno alex :-D! come stai oggi? che meraviglia aprire internet e vedere per prima cosa le tue meravigliose foto..ohh anche un fungo sembra un’opera d’arte nelle tue mani..ehrmm..obbiettivo! bravissima
    bacio
    Silvia

  2. Elga sagt:

    Mi sembra che non hai bisogno di consigi:) Hai risolto ottimamente, soprattutto per il tocco del prosciutto, divino!

  3. Lydia sagt:

    Io sono negata nella preparazione dei funghi, quindi non so proprio cosa consigliarti, posso solo dirti che le tue foto sono sempre bellissime!!!

  4. Cianfresca sagt:

    mmm io adoro i funghi, i cardoncelli poi hanno un sapore così particolare e unico!
    Ti lascio una ricetta dello chef Nicola Modugno, è una deliziosa passata di ceci con cardoncelli e code di gamberetti

    Ingredienti per 4 persone
    Ceci bianchi amollati 500 G.
    Cardoncelli 500 G.
    Code di gamberetti sgusciati 500 G.
    Costa di sedano N°1
    Cipollotto N°1
    Carota N°1
    Aglio q.b.
    Olio extravergine d’oliva q.b.

    Procedimento
    In una casseruola far cuocere i ceci con il sedano, la carota, la cipolla, uno spicchio d’aglio e un filo d’olio.
    Dopo la cottura frullare il tutto con olio in modo da avere una passatina emulsionata ed omogenea, e tenere in caldo.
    Trifolare in padella i funghi con aglio, olio e le code di gamberi. Aggiustare di sale e servite in una fondina adagiando sotto la passatina di ceci, e nel centro la trifolata di funghi e gamberi con un filo d’olio crudo.
    Servire con crostini di pane tostato.

    Puoi farci anche degli ottimi abbinamenti con la zucca e anche con i crostacei in generale (sono ottimi ad esempio con le capesante). Last but not least cotti sulla brace senza olio e conditi con olio crudo, prezzemolo tritato, sale e un po‘ di peperoncino.

    Baci

  5. FrancescaV sagt:

    questi funghi cardoncelli che non conoscevo hanno una forma lunga e paffuta veramente carina. Uhmmm interessante la ricetta che propone Cianfresca, meno dietetica della tua ma si può considerare un piatto unico, no? Buona giornata cara!

  6. Arietta sagt:

    sono sempre affascinata dai tuoi racconti sui mercati, e proprio tu ora mi dici che nel tuo paese è cosi misero?eheh caso della sorte!! bellissimi questi funghi,qui non ne trovo mai (dovrei forse andare anche io al mercato?) e la preparazione semplice li valorizza molto! baci!
    (ps.quanto alla faccenda delle foto sul letto,piu che luce migliore li si può parlare del „meno peggio“ :D sapessi che buio!!)

  7. Camomilla sagt:

    Ciao Alex!
    Io purtroppo non posso esserti d’aiuto, i cardoncelli non li ho mai cucinati e nemmeno assaggiati in qualche ristorante… però la tua insalata mi sembra un’ottima soluzione!
    Un bacio grande e buon inizio settimana!

  8. comidademama sagt:

    bellissimi colori.
    Non cucino funghi, purtroppo.
    Quando l’amica di mia nonna porta un porcino dalla montagna lo mangiamo fresco e non faccio altro. Ma questi cardoncelli sono bellissimi.

  9. Ciboulette sagt:

    Ciao Alex!
    Non parliamo di frequentazioni di mercati, che per me e‘ praticamente impossibile :(
    I funghi cardoncelli in Puglia li fanno sott’olio soprattutto (li fanno perche‘ io non sono capace), nino pubblico‘ a grande richiesta (la mia) la ricetta

    http://ninocucinasanteramo.blogspot.com/2008/07/funghi-cardoncelli-sottolio.html

    Un bacio!

  10. Barbara sagt:

    Che bei funghi e che bell’insalata: me la mangerei subito (sono le 9 di mattina…)!

    Bella spesa davvero!

    Vi seguo spessissimo,

    Barbara

  11. Raidne sagt:

    Li vedo spesso nei supermercati ma mi hanno sempre fatto un po‘ „impressione“ se però dite che sono buoni li proverò!!!

  12. Cobrizoperla sagt:

    bellissimi questi funghi e bellissime le foto. pare di sentirne l’odore di bosco.
    ;-)
    banali una zuppa, un risotto?

  13. iLa sagt:

    Mmm che delizia per la vista e per il palato! Io i cardoncelli non li conosco quindi non ho suggerimenti a riguardo, peró terró a mente la tua ricetta ;-)

    iLa

  14. nina sagt:

    mi sa che è proprio gustosa…funghi e valeriana li faccio anche io, ma così…così…e poi con il prosciutto… mmmm :P e poi pensare che hai fatto strada per scovare vera verdura , li fan sembrare proprio gioielli „sui piatti“!

    un bacio
    p.s. hai dormito stanotte? io un pochino di piu…:)

  15. Onde99 sagt:

    Non ho ricette per i cardoncelli (anche perché questa è la prima volta che ne leggo il nome), ma mi sembra che te la sei cavata benissimo anche senza i nostri consigli!!!

  16. Fra sagt:

    Ciao Alex che fantastica insalata che hai preparato. I funghi mi piacciono molto ma questi proprio non li conoscevo!
    Un bacio
    fra
    PS anche io voglio trovare i topinambur, sono deliziosi…sigh

  17. Virginia sagt:

    Alex, sui funghi ho ben pochi consigli da elargire…la mia dolce metà non li ama e a parte rifilarglieli in qualche risotto (in purezza o con i mirtilli), non riesco a fare molto altro!

  18. adina sagt:

    perchè non provi a farci dei ravioli? :-)) ma ti capita mai di avere il frigo pieno di cose che vuoi sperimentare e volerle provare subito? a me spesso…

  19. Saretta sagt:

    Che belli Alex!Io i funghetti li vedo sempre beneripassati in padella con aglio olio e prezzemolo.I porcini mi piacciono anche crudi in insalata!E le cappelle di porcino alla brace?!parliamone!!!
    Comunque buona l’insalata anche con il tocco dei dadini!
    Buona giornata beless
    Saretta

  20. pinguil sagt:

    ciao! io li cucinerei semplicemnte rivestendoli di pancetta coppata tagliata sottile e rosolandoli al forno finchè diventa croccante. Forse trovei con più facilità il bacon dalle tua parti!
    CIAOO

  21. Staximo sagt:

    Ti potrei passare una ricetta se solo li avessi mai cucinati! :a c’è di peggio: non li ho nemmeno mai mangiati. Sono troppo ignorante! :o)

  22. la frenk sagt:

    I cardoncelli??? che tipetti… Mi piace molto unire nella stessa ricetta il crudo e il cotto: si crea una stratificazione di consistenze e temperature che poi in bocca e sul palato e nel cervello crea un effetto spumeggiante… Con i funghi, che da piccola detestavo, ora mi ci farei gli impacchi!!! Patate e funghi al forno continuano a rendermi felice ogni volta che li mangio :-)))
    un super bacio

  23. Acilia sagt:

    In un ristorante pugliese che pochi anni fa frequentavo spesso, erano soliti proporli in un primo piatto a base di troccoli (una pasta fresca lunga fatta in casa), pomodorini pachino e ricotta salata. Erano eccezionali.
    Anche la tua ricetta ha un ottimo aspetto e sono certa che averli abbinati a prosciutto affumicato e aceto balsamico abbia dato risultati sorprendenti :-)

  24. Adrenalina sagt:

    Cardoncelli? BUONISSIMI!!!
    Qui li abbiamo messi, dopo averli passati sulla piastra, in un panino con del pecorino, ottimiiiiiiii!!
    La tua idea dell’insalata mi piace assai, al prossimo giro la provo!
    bacissimi :*

  25. papavero di campo sagt:

    quei funghi come li hai acconciati tu sembrano campanule! oppure quegli elementi ciccioni barocchi dei balconi in muratura da residenze gattopardesche!
    le forme, giocare con le forme è bello! ed è buona la valeriana coi funghetti:)

  26. Mariluna sagt:

    Bellissima davvero, meritevoli di essere immortalati con le tue foto strepitose e deliziosamente conditi.Io é dificile che i trovi cosi‘ belli qui vicino devo spostarmi troppo ed il sabato o la domenica non é sempre possibile.
    Di questi tempi, visto che fà freddo io mi farei volentieri una vellutata con uno di questi bellissimi funghi tagliato a fettine sottili e leggermente grigliati poggiati sopra…..
    un ‚abbraccio :)

  27. bocetta sagt:

    Credo di non aver mai mangiato i cardoncelli…però in generale con i funghi ci faccio la pasta,anche ripiena! Spero tu abbia passato delle buone festività,manco da un pò ed adesso mi vado a rileggere tutti i tuoi precedenti post che mi sono persa ;P già ho visto delle foto da sogno!
    a presto!

  28. Snooky doodle sagt:

    Le foto sono bellissime. Il piatto e stupendo! e una ricettina veloce a buona. Anchio amo i funghi con pochi ingredienti se no il sapore dei funghi non si sente .

  29. SiLviA sagt:

    ciao alex! Mai provati i funghi cardoncelli!! Chissà se si trovano anche qui! Il mercato qui da noi è un po‘ più grande, ma il problema è che sbaracca alle 11.30 al sabato, quindi spesso e volentieri, se dormo un po‘ di più, mi trovo già le bancarelle mezze smontate :( A presto!! Silvia

  30. a.g. sagt:

    Ciao!Sono anche io un’italiana trapiantata in Germania e sono molto felice di aver trovato il tuo blog, perché ho imparato ad usare alcuni prodotti teutonici che prima osavo solo guardare da lontano. La minestra di Nina (ok, non cosí straniera!) ha rallegrato me e i miei amici e sabato ho comperato della scorza nera al mercato! Ho fatto un altro acquisto, la STECKRÜBE e l’ho cotta con un soffritto di cipolla, poi patate e brodo (insomma un Eintopf!). La consiglio a chi passa di qui! Ha un sapore che tende all’affumicato e con le uova al tegamino é proprio buona!

  31. cuochetta sagt:

    beh.. credo che sia valsa la pena fare 30 km di viaggio se gli acquisti sono stati questi… (io aspetto la tua interpretazione dei topinambour)… intanto mi godo il fungo che mi ricorda casa (sapessi quanti ne ho visti al mercato di Bari!!!)
    un abbraccio cara!
    Anna

  32. Cuoche dell'altro mondo sagt:

    Grazie a tutti per i preziosi consigli. Non sapevo che i cardoncelli fossero tipici della Puglia.
    *Cianfresca, la passata con i ceci la voglio fare, mi piace molto la ricetta, grazie mille!

    *Comida, come mai non cucini funghi? Non ti piacciono o c’è un altro motivo?

    *Ciboulette, sott’olio devono essere una delizia. La loro consistenza si presta perfettamente a farli in conserva.

    *Nina, io purtroppo no, sono notti lunghe, ma stanotte ho provato a sognare come ci è stato consigliato :-)

    *Adina, eccome se mi capita. A volte devo darmi una regolata, perchè acquisto troppe cose e rischiano di andare a male oppure non ho il tempo di sperimentare cose nuove. Ottima idea i ravioli!

    *Pinguil, così devono essere deliziosi, ma dovrò rimandare a dopo la dieta :-(

    *Papavero, la Natura fa grandi opere d’arte, sarebbe un peccato non immortalarle

    *Silvia, infatti quando chiedo a mia sorella del mercato, no mi sa dire niente …. anche lei arriva sempre troppo tardi

    *A.g. benvenuta!! Dove ti trovi in Germania? La Steckrübe mi manca, ma volevo prenderla prossimamente. In questo periodo ci sono talmente tante rape diverse. Mi affascinano anche quelle tutte nere e tonde, hai presente?

    Scusate se non rispondo a tutti singolarmente, ma oggi il tempo è proprio poco.
    Buona giornata
    Alex

  33. Artemisia Comina sagt:

    questi funghetti polputi e bellissimi in questo periodo li metterei su una crema di zucca; funghi saltati in padella su crostino agliato e poggiato sulla crema.

    un solo mercato con tre banchetti…divento sempre più curiosa sul luogo dove abiti :)

  34. lenny sagt:

    Io adoro i funghi grigliati, ma forse sarebbe un sacrificio, mortificare questi splendidi cardoncelli.
    No, sicuramente è da preferire la tua insalata che ne esalta gusto e profumi.
    Baci

  35. anna sagt:

    Ciao Alex. Io li faccio gratinati al forno con le patate. Metto in una teglia delle patate tagliate a spicchi non troppo sottili. Le bagno con una emulsione di acqua e olio. Poi vi aggiungo i funghi e copro tutto con un composto fatto con pane raffermo sbriciolato o pan grattato, aglio, olio, sale pepe e prezzemolo. Cuoci per circa un’ora. Ottimo. Oppure puoi farli senza patate gratinando solo i funghi. Un abbraccio forte forte

  36. cocozza sagt:

    La valeriana mi piaece un sacco anche i funghi ma sai che i cardoncelli non li ho mai mangiati?stranamente proprio ieri li ho visti al supermercato coop vicino alla rucola e la valeriana un pensiero diceva prendili e l’altro mi faceva camminare dritto così alla fine non li ho comprati ma la prossima settimana questa insalatina la voglio proprio fare
    baci cocozza

  37. Azabel sagt:

    Anche nel paesino in cui abitavo qualche anno fa il mercato era così… un banco di formaggi che teneva anche dolci di seconda categoria (quelli che avevano difetti di forma e non venivano presi dai supermercati) e un po‘ di scatolame, un banco di abbigliamento minuscolo che teneva pure pentolame e uno con la verdura… solo che spesso qualcuno mancava all’appello! Vabbè, il paese contava 316 abitanti, per forza! ;)

  38. Cuoche dell'altro mondo sagt:

    *Artemisia, abito in una cittadina di 30.000 abitanti, al confine con la Francia. La città non è un gran che, ma la zona è davvero bella

    *Lenny, invece devo provarli anche grigliati. Sono così belli polposi questi

    *Anna, ottima ricetta. Proverò di sicuro, magari anche con altri funghi

    *Cocozza, la valeriana è un fantastica insalata. L’importante è lavarla benissimo. Io sono una di quelle che smette subito di mangiare se sente un po‘ di sabbia fra i denti

    *Azabel, beh, già è tanto che ci fosse un mercato per 316 abitanti. Noi siamo in 30.000 e il mercato è altrettanto misero

    Ciao
    Alex

  39. sabino sagt:

    Alex e Mari non so se vi siete accorti che il fungo che state presentando non e cardoncello,ma fungo eringy
    che costa molto ma molto meno del fungo Cardoncello che nasce spontaneo in Puglia Italia di gusto e prezzo molto diverso
    Se state comprando il fugo da un vostro fornitore che lo sta spacciando come fungo Cardoncello lo denuci o se voi presentate questo fungo come cardoncello nel vostro blog siete pregati di rimuovere inmediatamente
    questa notizia.

  40. Cuoche dell'altro mondo sagt:

    *Sabino, vedo solo ora che hai commentato anche qui e non solo su flickr dove ti ho già risposto. Come ti dicevo, qui non mi è stato spacciato nulla :-)) Si tratta di funghi che crescono anche qui e che io ho comprato come Kräuterseitlinge, nome tedesco. Per fare il post in italiano e tradurre il nome del fungo ho fatto ricerche in Internet, trovando il nome latino – Plurotus eringyii. Dal nome latino sono arrivata a quello italiano, cardoncello per l’appunto. Ora, non essendo esperta di funghi non posso che fidarmi di quello che trovo con le mie ricerche. Prima però di cambiare tutto il post vorrei una conferma.
    Non capisco però questo tono agguerrito … ma magari mi sbaglio solo a leggere fra le righe.
    Ciao
    Alex

  41. sabino sagt:

    Sicuramente e vero quello che dice,appartengono scentificamente alla stessa famiglia ma sono due funghi totalmente diversi sia come gusto che come prezzo e qualita.
    Io non sono agguerrito con lei ma penso che non sia giusto chiamare quel fungo „Cardoncello“
    Inoltre la invito gerntilmente ad assaggiare il fungo Cardoncello e giudicare la differenza.
    Provi a visitare questo sito cosi capisce il problema
    http://www.notizie-online.it/archivio/incredibile-ma-vero.-funghi-giapponesi-spacciati-per-cardoncelli.html

  42. sabino sagt:

    Volevo comunquefarle i miei complimenti per la presentazione dei suoi piatti
    Bravissima!!!!!!!!!!!

Lascia una risposta

  • Es war einmal

  • Archiv

  • Meine Fotos bei

  • Deutsche Foodblogs

    Köstlich & Konsorten