Un sabato in Francia

Scritto il 14 aprile 2008 | 71 Commenti

Strasburgo

Ho la fortuna di abitare a pochi chilometri dal confine francese, ma erano anni che non tornavo a Strasburgo, una città che mi sta molto a cuore – dove a 17 anni ho trascorso una delle vacanze più belle della mia vita.
Ci sono tornata sabato in piacevole compagnia (ma di questo vi racconterò in un altro post) ed è stata davvero una bella gita. Ho ormai preso l’abitudine di farvi partecipare alle mie gite e anche oggi vorrei farvi passeggiare insieme a me. Consiglio vivamente di visitare questa città deliziosa.

Un’ora di macchina e arriviamo. Fa freddino, ma noi non vediamo l’ora di esplorare le viuzze e i monumenti della città. E ci accoglie imponente la Cattedrale, davvero incredibili i dettagli.

Cattedrale di Strasburgo

Dopo aver ammirato l’interno, lo splendido rosone, l’orologio astronomico lasciamo la Cattedrale e ci avviamo verso il fiume Ill, passando attraverso una strada piena di localini tipici. Tarte flambée, Kugelhoupf, patè di fois gras, Bretzel … tutte specialità che avrei voluto assaggiare e comprare in quell’istante. Ma evitiamo di caricarci di roba all’inizio della nostra passeggiata.

Localini di Strasburgo

Ci avviciniamo al fiume, svoltiamo l’angolo e io faccio un gridolino di gioia: c’è il MERCATO!!! Ormai avrete capito che adoro i mercati. Sono felice, zompetto fra i banchi, ammiro e fotografo. Mi chiedo cosa siano determinate cose. Il mio francese è davvero arruginito, mannaggia. Non ho il coraggio di chiedere cosa sia quell’insalatina verde (la terza foto qui in basso). E poi anche se avessi chiesto, sicuramente non avrei capito :-)) Chi di voi sa dirmi cos’è??
Davvero un bel mercato, semplice, genuino. Poche cose, ma buone. Anche qui mi trattengo dal comprare.

Mercato di Strasburgo

Lasciamo il mercato e scendiamo sul lungofiume. Il fiume è bello pienotto, in un punto l’acqua è talmente alta che pensiamo di dover tornare indietro. Ma con qualche acrobazia riusciamo a passare. Volevo assolutamente passare per il lungofiume e arrivare alla chiusa che si affaccia sul delizioso quartiere La Petite France (prima foto in alto). Ahh, quanti ricordi ho di questo posto. Immaginate una diciassettenne alla prima vacanza da sola (con la scusa di imparare la lingua) in un posto così romantico. Beh, non c’è altro da aggiungere ;-)

La petite France

Si torna indietro verso il centro, inizia la fase shopping :-) Ci rifocilliamo con una baguette farcita, entriamo in ogni boutique. Ma anche in una grande libreria. Volevo dare un’occhiata ai libri di cucina. Ma l’offerta era incredibilmente grande e sinceramente non sapevo cosa scegliere. Un libro di Pierre Hermè? Il nuovo libro della blogger di Chocolate e Zucchini? Un libro sui macarons (anche se non mi sono piaciuti??) Esco a mani vuote. E ripasseggiamo per le viuzze godendoci tutte le impressioni che questa città ci regala.

Impressioni di Strasburgo

Una cosa però la compriamo prima di ripartire per la Germania: il panbrioche tipico di Strasburgo, il Kugelhopf. Ci delizierà la colazione della domenica.

Kugelhopf

Commenti

71 Responses to “Un sabato in Francia”
  1. Pippi scrive:

    Grazie per le foto meravigliose e darci la possibilità di ‘viaggiare’ con te!! un bacio Pippi

  2. giu&cat scrive:

    Alex io mi ricordo ancora il negozio di bonbon vicino alla cattedrale! Ho fatto una scorpacciata di cioccolatini/confetti all’olio di oliva (avevano anche la forma di oliva!). Bellissimo il tuo reportage! Cat

  3. giu&cat scrive:

    Alex io mi ricordo ancora il negozio di bonbon vicino alla cattedrale! Ho fatto una scorpacciata di cioccolatini/confetti all’olio di oliva (avevano anche la forma di oliva!). Bellissimo il tuo reportage! Cat

  4. giu&cat scrive:

    Alex io mi ricordo ancora il negozio di bonbon vicino alla cattedrale! Ho fatto una scorpacciata di cioccolatini/confetti all’olio di oliva (avevano anche la forma di oliva!). Bellissimo il tuo reportage! Cat

  5. giu&cat scrive:

    Alex io mi ricordo ancora il negozio di bonbon vicino alla cattedrale! Ho fatto una scorpacciata di cioccolatini/confetti all’olio di oliva (avevano anche la forma di oliva!). Bellissimo il tuo reportage! Cat

  6. giu&cat scrive:

    Alex io mi ricordo ancora il negozio di bonbon vicino alla cattedrale! Ho fatto una scorpacciata di cioccolatini/confetti all’olio di oliva (avevano anche la forma di oliva!). Bellissimo il tuo reportage! Cat

  7. NADIA scrive:

    Che belle foto e quanti meravigliosi ricordi mi hai fatto venire in mente!
    Complimenti per questo bellissimo reportage e per la passione che metti nelle cose che fai.
    A presto,
    Nadia – AlteForchette –

  8. Viviana B. scrive:

    Ciao! Da me c’è un MeMe che vi aspetta… Nessun obbligo, eh!, solo se vi va di fare un giochino. :-)

  9. Marika scrive:

    A così pochi kilometri da una città così bella è davvero una fortuna. Poi penso di abitare a Roma e di abitare anche io a pochi km da bellissime città come SIena, Firenze … è che si è troppo abituati ad avere cose così belle a portata di mano da poterne approfittare a piene mani! E comunque fai male a parlare poco di questi weekend … a me piacciono tantissimo i tuoi fotoreportage!
    Marika

  10. Arietta scrive:

    che ambientazione meravigliosa *_* sono innamorata di questi luoghi!! sono rimasta rapita dalle immagini del mercato e dalla foto con la teiera e le tazze, le bramo!!
    chissà che buono quel dolce, poi ^_^

  11. JAJO scrive:

    Ciao Alex, bellissimi angoli Strasburgo. E mi sembra molto poco “francese”…
    Non parliamo di francese arrugginito….. :-D

  12. cocozza scrive:

    Che meraviglia Alex poi anche in dolce compagnia!;D
    Strasburgo è bellissima la prossima volta che vengo in Germania ci vado, io sono salita per ora solo fino a Colmar che anche è bellissima
    ciao cocozza

  13. Spilucchina scrive:

    Confermo, è crescione! Mi sono documentata!
    Alex, Mari se avete tempo, ci sarebbe da ritirare un pacco per voi dalle mie parti…

  14. Sara scrive:

    bellissima la Francia!! che meraviglia di foto!!
    un bacione!

  15. NIGHTFAIRY scrive:

    Che meraviglia..adoro i tuoi reportage, mi sembra di viaggiare anche io un pochino :) Grazie!

  16. elisabetta scrive:

    Fantastiche queste foto, anche Strasburgo è (da anni) in lista per una delle prossime vacanze. L’abbiamo “sfiorata” per due volte (passandoci vicino vicino)… ma non c’è due senza tre… chissà che la prossima sia la volta buona!

  17. viviana scrive:

    Ci sarebbe un premio per voi sul mio blog…..
    Ciao!

  18. marinella scrive:

    Strasburgo piace tanto anche a me, ci sono già stata credo 3 volte, ma ci tornerei volentieri come anche a Colmar. I Macarons li trovo un pochino stucchevoli, insomma niente di che e poi a volte mi turbano i loro colori. In compenso i mercati piacciono tanto anche a me, e generalmente non riesco a resistere e torno col bottino. Ciao

  19. Cookie scrive:

    Che vacanza stupenda, mi sono rilassata anche solo nel vedere le foto che hai fatto. Ciao!!

  20. aleka scrive:

    Hai sempre la capacità di cogliere dei dettagli che fanno venire il desiderio di fare la valigia e partire!
    Strasburgo è una città che ho visitato anni fa, varrebbe la pena tornarci.

  21. Ely scrive:

    che foto spettacolose sembra di essere li, grazie per averle condivise con noi….
    ciaooo Ely

Lascia una risposta

  • Un post a caso

  • Archivio

  • Le mie foto su

  • Prossimi eventi

    • Fiere e mostre di giardinaggio in tutta Italia QUI

  • Foodblog tedeschi

    Köstlich & Konsorten