Ceramiche che mi hanno conquistata

Scritto il 3 novembre 2012 | 21 Commenti

Due anni fa sono stata ad un mercatino di artigianato artistico al monastero di Maulbronn. Lì avevo trovato un banchetto con delle ceramiche deliziose. Le ceramiche sono una delle mie (tante) passioni. Colleziono ciotoline per la colazione, ma anche piattini e tazze, tutti rigorosamente spaiati. E quell’anno mia madre, in visita da me, mi regalò una tazza per il tè che da allora accompagna le mie colazioni. Purtroppo non mi ero fatta dare un bigliettino delle due artiste e non sono mai più riuscita a trovarle. Fino a qualche settimana fa quando le scovo ad un mercatino proprio nella cittadina dove abito. Katja Langer e Tilla Halder (sito in costruzione) sono due giovani artiste sveve che mi hanno subito conquistata con le loro creazioni. Romantiche, giocose, mai kitsch.
Stavolta sono tornata a casa con più di una tazza! Ho proprio svaligiato il banchetto, sapendo che quelli che stavo portando a casa sarebbero stati degli oggetti che mi avrebbero regalato ogni giorno piccoli momenti di gioia. Soprattutto la biscottiera, la trovo di una bellezza unica. Ho comprato una tazza diversa dall’altra, una zuccheriera delicatissimae un piattino farfalloso. E tante altre piccole cosette. Volevo farvele vedere, trovo che meritino!

Commenti

21 Responses to “Ceramiche che mi hanno conquistata”
  1. Cristina ha detto:

    Davvero bellissime e poetiche :-)

  2. alexandra ha detto:

    Fantastiche!! sono da sogno

  3. Angela ha detto:

    Che meraviglia le tue ceramiche, stavo girovagando tra i blog, quando vedo queste meraviglie! Anche io come te sono un’ appassionata di ceramica, infatti ,qundo vado al mercatino, la prima tappa è alla bancarella delle ceramiche. Ma a dir il vero le tue sono proprio particolari.Cmq piacere di conoscerti, verro spesso a fare una capatina dalle tue parti e se ti va, vieni a sbirciare nel mio giovane blog :) A presto cara

  4. Micha ha detto:

    Bunt, verspielt und lauter Einzelteile war immer ganz mein Stil – was recht feminin ist. Der Mitbewohner, meiner, mags gerne klarer und nüchterner… Die Schmetterlingstasse hätte ich dennoch für mich mitgenommen ;)

    • Alex ha detto:

      Liebe Micha, ich verwende meine verspielte Keramik meist auch nur, wenn Freundinnen zu Besuch sind. Für die gemischte Runde gibt es dann das schlichte weiße Service :-)

  5. flo ha detto:

    Niè questa è pura crudeltà!!! Sito undercostruction poi!!! Devo segnarlo per forza in attesa che aprano! :)

  6. Elisa ha detto:

    Eheheheh, ma hai davvero svaligiato il banchetto!! :D Comunque hai ragione, sono bellissime!

  7. cristina b. ha detto:

    stupende! non saprei quale scegliere e le vorrei anch’io tutteeeeeee!!!

  8. MarinaV ha detto:

    Ma che belle quei portafrutta con i buchini!

  9. Marinella ha detto:

    Direi che “svaligiare” è proprio il termine giusto! ahahah! Carinissime queste ceramiche, mettono allegria!
    ciao a tutte e buon inizio di settimana

  10. Buccia ha detto:

    bellissime *_*
    per me che sono pois-dipendente il portaburro rosso a pois bianchi è insuperabile :)
    che esista la possibilità di comprare online? Ho spulciato il sito ma, nonostante stia considerando l’opzione di trasferirmi in Germania tra qualche anno per la specializzazione, non ho ancora iniziato a studiare il tedesco, ergo nun c’ho capito ‘na mazza :D

  11. Ma dai…ma sono deliziose!! Mi piace la fantasia con le farfalle con il nero. Grazieee

  12. giulia ha detto:

    Tutte molto belle!!!!! la serie con le rose è bellissima!!!! Avere posto… Riempirei casa!!!!!!
    baciiiiii :* giulia

  13. Simo ha detto:

    Che belle queste ceramiche! Varrebbe la pena di scendere dalle tue parti per farne scorta! :-)

  14. Anne ha detto:

    Hallo Alex,
    kennst du die Geschirrgeschichten von Jasmin auf http://wennn.de ?
    Die finde ich ja auch klasse! Wenn da mal kein Weckmann draus schlemmen möchte :-)

    Viele Grüße
    Anne

Lascia una risposta

  • Un post a caso

  • Archivio

  • Le mie foto su

  • Foodblog tedeschi

    Köstlich & Konsorten